Centro CHERATOCONO

Il cheratocono è una malattia degenerativa non infiammatoria della cornea legata ad una debolezza della struttura corneale che progressivamente tende a sfiancarsi, estroflettersi ed assottigliarsi all’apice assumendo la forma di un cono; si manifesta di solito nell’ adolescenza o nella giovinezza (tra i 12 ed i 30anni) ed è generalmente bilaterale; provoca una consistente riduzione visiva per la comparsa di un elevato astigmatismo miopico irregolare quasi sempre contro regola.
topografia o mappa topografica

Consigli utili

Il cheratocono è una malattia degenerativa non infiammatoria della cornea legata ad una debolezza della struttura corneale che progressivamente tende a sfiancarsi, estroflettersi ed assottigliarsi all’apice assumendo la forma di un cono; si manifesta di solito nell’ adolescenza o nella giovinezza (tra i 12 ed i 30anni) ed è generalmente bilaterale; provoca una consistente riduzione visiva per la comparsa di un elevato astigmatismo miopico irregolare quasi sempre contro regola.

visita oculistica completa

Le statistiche

L’ incidenza riportata in letteratura è di 1 caso ogni 2000 persone nella popolazione generale, anche se, secondo statistiche più recenti, tali valori appaiono significativamente sottostimati

TOPOGRAFIA o MAPPA TOPOGRAFICA

La dott. Lianì Lucia Iacopino, dal 2003, CURA IL SETTORE DELLA CORNEA – ASTIGMATISMI E CHERATOCONO

Effettua TOPOGRAFIA, PACHIMETRIA, CROSS LINKING ( un moderno trattamento che blocca la progressione del cheratocono e previene il trapianto di cornea.

Collabora con gli ottici per l’applicazione di Lenti a contatto CROSS-LINKING LASER CHERATOCONO.

L’intervento di crosslinking nel cheratocono ha il razionale di rallentare la progressione della malattia. Questo trattamento è indicato in soggetti con cheratocono nelle fasi iniziali come nel cheratocono frusto per prevenire il peggioramento.

L’intervento di crosslinking si propone di aumentare i legami tra le fibrille di collagene che compongono la cornea per renderla più resistente.

L’operazione di cross linking dura circa un’ ora nell’arco della quale si imbibisce la cornea con una sostanza chiamata riboflavina e poi si illumina la cornea con raggi ultravioletti A.

La cura del cheratocono con cross linking può essere effettuata togliendo l’epitelio della cornea (epi-OFF) oppure lasciando l’epitelio della cornea integro (epi-ON) le due metodiche hanno vantaggi e svantaggi che andranno discussi nel singolo caso.

Dopo l’intervento di cross linking c’è da aspettarsi un certo livello di fastidio all’occhio per almeno un paio di giorni.

Il risultato della operazione di cross linking della cornea si osserva di solito dopo alcune settimane o mesi è descritto un miglioramento fino a dopo un anno dalla procedura.

Lo scopo del crosslinking nel cheratocono non è migliorare la vista ma evitare un peggioramento della vista stessa con la progressione del cheratocono.

La dott Iacopino effettua i trattamenti di crosslinking cheratocono a Reggio Calabria.

visita oculistica completa

Centro studio dell’occhio secco – Sindrome di Sjogren Uveite e malattie autoimmuni

Centro OCCHIO SECCO

Lo studio oculistico è anche dedicato alla cura e alla prevenzione della sindrome dell’occhio secco attraverso un approccio personalizzato e multidisciplinare. La sindrome dell’occhio secco è infatti causata da diversi fattori, tra cui l’età avanzata, menopausa, smog, farmaci, abuso di lenti a contatto, uso eccessivo di tablet e computer, fumo. L’occhio secco può essere inoltre sintomo di altre patologie, non necessariamente collegate all’occhio. La diagnostica è accurato e si basa sui test:

  • BIOMICROSCOPIA MEIBOGRAFIA 
  • TEST DI QUALITÀ E QUANTITÀ DEL FILM LACRIMALE 
  • TEST DI OSMOLARITÀ 
  • TEST DELL’INFIAMMAZIONE 

Talvolta la patologia è più seria come nella sindrome di Sjögren .Il sistema immunitario non riconoscendo le proprie cellule, tessuti ed organi, attacca soprattutto le ghiandole esocrine (salivari, lacrimali) distruggendole e creando notevoli disturbi di bocca secca (xerostomia) ed occhio secco (cheratocongiuntivite secca).

Terapie dell’occhio secco

Il Centro offre terapie d’avanguardia personalizzate per ciascun paziente, tra cui:

  • PROBING E RIGENERAZIONE GHIANDOLE LACRIMALI PALPEBRALI
  • LIPIFLOW
  • STUDIO DEL MICROCLIMA
  • CONSULENZA DIETETICA ED ABITUDINALE
  • JOINT SURGERY: APPROCCI CHIRURGICI COMBINATI (OTORINO E PLASTICI)

Centro studio dell’Uveite

  • L'uveite è un'infiammazione di parte o di tutta la tonaca media (vascolare) dell'occhio. Il termine si riferisce, inoltre, all'infiammazione che interessa le altre tonache (sclera, cornea e retina).Le cause possono essere diverse e vanno ricercate.
  • Frequente l’associazione con l’artrite psoriasica e le malattie intestinali croniche (IBD).
  • In queste forme è importante l’approccio diagnostico e terapeutico pluridisciplinare non solo con cortisone ma anche con farmaci biologici
Share by: